news

Capodanno alle Ghiaine

ristoranti per capodanno a cervia e milano marittima

Capodanno cibo&musica insieme a noi…cos’altro vuoi? Però datti una mossa….scopri il menù!!!

Per info contattaci via mail
info@ristoranteleghiaine.it
Per qualsiasi chiarimento, cambiamento o richiesta non esitate a contattarci.
La Piadina dei Fratelli Maioli a TGR Officina Italia

I fratelli che fanno grande la piadina – Il Resto del Carlino
“I Maioli avevano un chiosco a Cervia, adesso vendono da Dubai a Seul”
“A Expo hanno venduto 1500 piade e crescioni al giorno. Raggiunti i numeri della pizza”
“E’ un prodotto premium di alta qualità”

Queste sono solo alcune delle osservazioni fatte sul nostro lavoro svolto a Eataly e ad Expo2015. Per leggere l’articolo per intero>>> Clicca Qui

La Piadina Maioli alla conquista della Corea

Eataly raddoppia in Asia: dopo il Giappone, venerdì 21 agosto ha aperto il primo negozio in Corea, a Seul e naturalmente non poteva mancare anche la piadina, dei Fratelli Maioli: rigorosamente preparata con farine di grani coltivati in Romagna, può essere farcita con gli abbinamenti più classici o con quelli più creativi, c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Vi aspettiamo!!!

I nostri nuovi orari…

Dal 1 Settembre 2015  il ristorante rimarrà chiuso tutti i giorni a pranzo, domenica aperto a pranzo e a cena.

I nostri orari:

Lunedì            19:00-23:00
Martedì          19:00-23:00
Mercoledì     19:00-23:00
Giovedì          19:00-23:00
Venerdì          19:00-23:00
Sabato            19:00-23:00
Domenica     12:00-15:00  /   19:00-23:00

VIENI A TROVARCI!!!

Seguiteci su Instagram

Da oggi potete seguirci anche su Instagram
Segui>> @le_ghiaine

La Piadina: arriva il libro dei Fratelli Maioli

Libro la Piadina Romagnola

Nata come cibo povero, se preparata ad arte diventa un cibo da re. Semplicità e qualità sono infatti le caratteristiche fondamentali di una buona piadina, piatto tipico romagnolo ormai noto e apprezzato in tutto il mondo. Prepararla non è difficile, ma bisogna conoscere bene tecniche, trucchi e segreti per ottenere un ottimo impasto e una perfetta cottura. I fratelli Mirko e Alessandro Maioli, che da anni propongono la vera piadina romagnola presso Eataly, spiegano nel dettaglio tutte le fasi di lavorazione e propongono molte ricette per tutti i gusti e per le occasioni più disparate, da uno spuntino veloce a una cena vera e propria, dalla festa dei bambini al brunch vegetariano.

Potete Acquistarlo qui:
http://www.lafeltrinelli.it/libri/mirko-maioli/piadina/9788891801456
http://www.eprice.it/economia-domestica-e-vita-familiare-MONDADORI/d-7408911
http://www.libreriauniversitaria.it/piadina-segreti-ricette-preparare-vera/libro/9788891801456

La Piadina dei Fratelli Maioli a Expo 2015

Piadina Romagnola Fratelli Maioli Expo 2015 Milano 

I Fratelli Maioli saranno presenti a Milano durante l’Expo 2015 che sarà il più grande evento mai realizzato sull’alimentazione e la nutrizione.

Per tutta la durata dell’evento i Fratelli Maioli saranno presenti con la loro inconfondibile piadina romagnola, famosa per essere uno dei cibi che rappresenta la Romagna a Eataly Roma e Milano.
Ad Ottobre, invece, saranno presenti anche con il Ristorante Le Ghiaine.

Vi aspettiamo!!!

Scopri i vini della nostra cantina!!!

Cantina vini Ristorante Cervia Milano Marittima

Da amanti del buon cibo, conosciamo l’importanza di abbinare il vino giusto ad ogni piatto.
La nostra personale cantina vanta pregiate etichette, dalle piccole aziende del nostro territorio fino alle più rinomate e prestigiose etichette italiane e non solo. Un occhio di riguardo va ai vini biologici e biodinamici e per chi volesse disponiamo anche di formati “magnum”. Tutto questo a disposizione dei clienti, sotto l’occhio sempre attento di Luca che saprà consigliarvi il vino ideale soddisfare perfino il palato degli intenditori più esigenti.

Intervista ai Fratelli Maioli – i segreti della piadina

Ecco l’intervista comparsa sul sito agrodolce.it ad opera di Olivia Vachon, dove Mirko e Sandro svelano in un intervista tutti i segreti della piadina e come è iniziata la loro passione per questo cibo da strada tipico della Romagna.

Se gli italiani in astinenza all’estero possono recuperare facilmente una piadina nel cuore di Istanbul o in uno degli shopping mall più alla moda di Dubai è anche grazie ai fratelli Maioli di Cervia, Mirko e Sandro. Sin da piccoli i due fratelli lavoravano nei chioschi della loro nonna sul lungomare di Cervia: “Una volta non c’erano nemmeno i chioschi: c’erano la bombola, l’ombrellone, la piastra di terracotta e le vecchiette che tiravano l’impasto con il mattarello, accartocciavano la piadina bollente per i passanti”, racconta Mirko. fin dalla tenera età i fratelli maioli lavoravano a cervia ai chioschi di piadina della nonna sul lungomare A 14 anni entrano in un Istituto professionale alberghiero a Milano Marittima, Sandro in sala e Mirko in cucina, ma tutti i weekend, le sere e le festività producono piadine nel chiosco. In inverno facevano gli extra in cucina e in sala, come spiega ancora Mirko: “Eravamo giovani e non ne potevamo più delle piadine. Dal nulla abbiamo fatto una pazzia e abbiamo aperto nel 2001 il ristorante le Ghiaine con nostro zio che era direttore alla Coop e ha mollato tutto per farci da socio”. Il ristorante è esploso e la famiglia intera si è concentrata sul business. Nonostante il locale fosse su una statale vicino a un depuratore comunale, dopo 2 anni Le Ghiaine diventò il locale più amato in tutta la riviera: “Un contrasto apparente: una baita di montagna al mare che fa solo carne e non fa pesce. Dopo essermi rinchiuso in cucina per 13 anni, io e Sandro abbiamo proposto l’idea di aprire una piadineria a Oscar Farinetti con Eataly e ora siamo a Roma, Milano Smeraldo, Milano San Babila, Istanbul, Dubai e ci sono buoni presupposti per aprire a Eataly New York Ground Zero e a Mosca”.

La piadina parte come pane povero dalla Turchia e Romania, fino ad arrivare in Italia. Di base è preparata con acqua, sale, strutto, farina, latte (per rimanere morbida) e lievito in polvere. Una volta si mangiava d’inverno con la zucca o con verze e patate, e d’estate con primizie estive come pomodorini e rucola o con le erbette tipo bietole e rosole che nascevano nei fossi. Era il cibo dei poveri con un food cost davvero basso.

Mirko, qual è la vera piadina?
“La piadina è il riflesso della biodiversità del nostro territorio che è l’Italia. Parte sottilissima e pieghevole in Romagna a Rimini, Riccione e Cattolica, per arrivare lungo la costa e nell’entroterra fino ai confini con l’Emilia, a Imola, crescendo di spessore. La nostra romagnola è una metà tra la grossezza che fanno a Imola e le sottilette che fanno a Rimini. Le fabbriche nacquero a Rimini, è per questo che nella grande distribuzione eravamo abituati a vedere solo piadine sottili“.

Sembra esserci una lotta interna tra Cervia e Rimini ormai da decenni, quindi.
“Tutti si fanno la guerra dicendo che la loro piadina è quella originale, invece dobbiamo continuare a andare a braccetto in fratellanza, perché dovrebbe essere un vanto che in 20 km la piadina si trasforma, non certo una minaccia: è la nostra forza per farci conoscere. Tutte e due si chiamano piadine e sono originali. Quella di Cervia è perfetta se ha la crosticina croccante fuori e rimane morbida al suo interno, è molto sottile e deve essere fatta al momento. Da Milano Marittima verso sud a Cesenatico e Bellaria è uguale alla nostra, mentre a Riccione e Cattolica diventa sottilissima, addirittura arrotolabile. Verso l’Emilia è ancora più spessa, a Faenza e Imola la tagliano nel mezzo come una rosetta e ci mettono gli affettati dentro da quanto è spessa”, racconta Mirko.

Che cosa c’è di tanto speciale nella piadina?
“La cosa bella della piadina è che è cotta e mangiata; è uno street food che puoi fare a modo tuo: vegano, con il maiale, con qualsiasi ingrediente che ti piace”.

Qualche suggerimento sfizioso per la piadina perfetta?
“La versione salata può prevedere un crescione, fratello della piadina, con zucca e patate o la tradizionale piadina con crudo, squacquerone e rucola, oppure  per gli amanti del mare una piadina con salmone affumicato, radicchietto e salsa tartara“.

E una piadina-dessert?
“Si può condire con la crema di cioccolato o per gli ingordi felici c’è il crescione con crema pasticcera alla vaniglia e gocce di marmellata di lamponi. Né salata, né dolce c’è la salmastra: formaggio raviggiolo e fichi caramellati“.

Ci dai la ricetta per la piadina alla gricia?
“Serve 1 litro di panna e 500 g di pecorino. Portate a bollore la panna fresca, aggiungete il pecorino grattugiato e frullate il tutto con un minipimer. Fate raffreddare questa crema, spalmatela su una piadina, poggiate sopra la pancetta grigliata tagliata a fette sottili. Con una macinata di pepe nero è pronta“.

Al vostro arco avete anche una piadina degna di un re, vero?
“Qualche tempo fa a Torino nella serata di premiazione dei Relais & Chateaux abbiamo creato con amici una piadina con burro al caviale, salmone selvaggio e tartufo bianco. Ci mancava solo una tritata di Rolex da buttarci su!”

Il sogno di Mirko e Sandro è sempre stato quello di aprire una piadineria a New York, perché per loro è la città più famosa di tutti, ma anche una piadineria sul  lungomare di Ipenema con cappello e sigaro va benissimo. E noi glielo auguriamo!

– 20 Gennaio 2015 –

Vecchie news →
← No Newer Posts